Matera 2019: People have the Power / Democrazia è: il potere di trasformare

PEOPLE HAVE THE POWER
Democrazia è: il potere di realizzare

La distanza tra cittadini e istituzioni oggi appare incolmabile, specialmente a livello europeo. Il processo di integrazione è messo in discussione da movimenti euroscettici e correnti di opinione sempre più critiche. La partecipazione dal basso può favorire la costruzione di un sentimento di cittadinanza europea contribuendo a ripensare la nostra democrazia su scala continentale? I cittadini decidono ancora sul loro futuro come individui e come collettivi? La Politica e le istituzioni riescono a dare ascolto e risposta ai loro bisogni? Con quali nuove forme di espressione e organizzazione trovano forma le loro istanze?

18:30 – Saluti istituzionali di Paolo Verri, Direttore generale della Fondazione Matera 2019 Basilicata e di Spartaco Puttini, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

18:50 – Lecture di Yves Sintomer, Centre Marc Bloch Berlin
19:00 – Dialogo con la partecipazione di:
Andrea Felicetti, Université Catholique de Louvain;

Modera Chiara Baldi, giornalista de “La Stampa”

Lecture di Giovanni Moro, FONDACA – Fondazione per la cittadinanza attiva
Dialogo con la partecipazione di:
Michelangelo Secchi, Centro Estudos Sociais, Universidade de Coimbra;
Elio Manti, Regione Basilicata;
Silvana Kuhtz, Università degli Studi della Basilicata;

img_2518.jpg

CUORE DI BORDO

Puoi trascorrere il tuo soggiorno presso Cuore di Borgo e usufruire di uno sconto speciale del 10% sulle nostre tariffe standard se effettuerai una prenotazione diretta sul nostro sito web dalla pagina delle Prenotazioni.

Dott.ssa Graziana Miccoli
Vice Presidente Settore Extralberghiero
Confcommercio Taranto

Quasi pronti per Matera 2019

Settant’anni dopo il romanzo di Carlo Levi – «Cristo si è fermato a Eboli» – romanzo scritto per la città che custodiva i «Sassi», nel 2019 «gli occhi del mondo saranno puntati su Matera», Capitale europea della cultura.

Il richiamo non è di uno scrittore, ma del ministro del Beni culturali, Alberto Bonisoli che ha partecipato alla presentazione del programma delle manifestazioni previste l’anno prossimo in città.

Tre cose Bonisoli ha detto che farà il suo ministero: «Stimolo per aumentare l’efficienza, raccordo anche con chi si occupa di accoglienza e trasporti, dare opportunità al territorio che circonda Matera e raccolta di disponibilità per fare arrivare qui grandi eventi». Il ministro ha citato la Scala per i bambini, che porterà a Matera «Il flauto magico» e «Elisir d’amore».

La presentazione del programma – guidata da Radio3, ha visto l’arrivo sul palco anche di Max Gazzè, impegnato in un concerto a Matera nell’ambito dell’ottava edizione di «Materadio». Matera 2019 comincerà ufficialmente il 19 gennaio, probabilmente alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: 54 bande musicali provenienti dalle capitali europee della cultura e dai comuni lucani entreranno in città e arriveranno nelle case di tutti perché lo spettacolo sarà in eurovisione, dalle 19 alle 20.

Ci saranno una serie di mostre, spettacoli e altri eventi per «incantare” chiunque visiterà Matera e sarà già rimasto «incantato» dai Sassi e dalla storia di sofferenza e di riscatto che raccontano.

Matera… Open The Future!

Il 19 gennaio 2019 ci saranno 131 comuni, la maggior parte dei quali ha una propria banda marciante, per la cerimonia di apertura di MATERA 2019.

La cerimonia d’inaugurazione di Matera Capitale Europea della Cultura nel 2019 recupererà questa grande tradizione musicale meridionale, dando vita nelle strade di Matera a una straordinaria festa di dimensioni inedite in cui l’intera città risuonerà di musica e luce.

matera.jpg

Per questo evento non soltanto l’intera regione Basilicata sarà a Matera, ma Matera sarà l’Europa: infatti ventisette capitali europee della cultura arriveranno a Matera rappresentate dalle proprie bande marcianti.

Al mattino le bande musicali provenienti da tutta la regione e dall’Europa animeranno la città, giungendo a piedi con i propri strumenti. Convergeranno attraverso le grandi direttrici viabilistiche da nord, sud, est e ovest, dalla Murgia e perfino salendo lungo la Gravina.

Matera_-_veduta_della_Civita_da_S._Maria_di_Idris.JPG

Saranno più di duemila i musicisti che attraverseranno i quartieri della città (Spine Bianche, Serra Venerdì, La Martella, Serra Rifusa) e raggiungeranno 27 piazze, accolti dagli allestimenti che i cittadini insieme agli studenti delle scuole avranno realizzato ad hoc. Seguirà un intenso momento di scambio e relazione: un pranzo conviviale di quartiere organizzato per ogni piazza e animato da famiglie, bambini, cittadini.

Al calare del sole gli orchestrali convergeranno infine sui Sassi, ognuno suonando il proprio repertorio, finché ogni vicolo del Sasso Barisano e Sasso Caveoso non sarà saturo di note.  La città antica risuonerà di frammenti di brani e spezzoni musicali disconnessi, con una vera e propria jam session. I Sassi luccicheranno al lume di candela, con gli elementi luminosi preparati dai cittadini attraverso il progetto Social Light.

matera-221.jpg

Gli abitanti della città, che nel frattempo si saranno raccolti lungo la Murgia dall’altra parte della Gravina, osserveranno in silenzio i Sassi come fossero il palcoscenico di un enorme anfiteatro.

Grazie al partenariato con la Rai, alle ore 19:00 inizierà la diretta televisiva che seguirà tutto il concerto musicale coordinato da un Maestro d’eccezione; alle 20:00, il TG1 trasmetterà le parole di apertura della manifestazione affidate al Presidente della Repubblica. Il concerto proseguirà con le performance di artisti noti a livello nazionale ed internazionale che si esibiranno in diverse piazze della città, diffondendo la cerimonia a macchia d’olio in ogni strada, vicolo, piazza e cortile.

matera-capitale-cultura-2019-dali.jpg

La cerimonia inaugurale non si esaurirà nei soli confini comunali di Matera e non terminerà il 19 gennaio, ma risuonerà in scala differente in tutta la regione Basilicata: il giorno seguente all’inaugurazione, 20 gennaio, ogni banda lucana ospiterà nel proprio comune una banda straniera con cui animare insieme il centro del paese, attraverso un concerto di piazza.

Uno sguardo a Matera 2019

Uniti per una grande e meritevole rinascita culturale. E’ questo il fine del progetto “Matera 2019 – Capitale per un giorno”.

Dall’Ottobre 2014 infatti, Matera è stata dichiarata Capitale Europea della Cultura per il 2019. E’ una delle città più antiche al mondo e conserva delle tracce di storia quali i Sassi ed il Parco delle Chiese Rupestri, dichiarati dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1993.

La città sembra vivere in un lembo temporale sospeso, intrisa di storia e tradizione. Sembra ricordare l’atmosfera della Palestina con la sua roccia naturale ed il rapporto con la natura. E’ stata scelta come set per film religiosi da registi molto importanti come Mel Gibson e Pier Paolo Pasolini.

Molti sono i musei storici ed i centri culturali che occupano vecchie abitazioni tradizionali rimaste sospese nel tempo.

E’ degno di nota il Parco delle Chiese rupestri, anche noto come parco della Murgia Materena. E’ il parco regionale della Basilicata e conserva e raccoglie oltre 150 chiese rupestri disperse nel verde intrise di storia.

La Città dei Sassi non si limita alla storia dando spazio ed attraendo maestri ed appassionati di scultura (come documentato nel Museo di Scutura Comtemporanea, chiamato MUSMA) ed in quello di Fotografia.

A supporto degli arrivi previsti per il 2019 si stanno muovendo molte iniziative e progetti, uno di questi è chiamato “Matera Città Narrata”.

Implementare tecnologie innovative per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale tangibile e intangibile di Matera. E’ questa la funzione di Matera Città Narrata, il progetto di ricerche e sperimentazione affidatato dall’APT Basilicata al CNR ITABC nell’ambito dell’accordo integrativo dei beni culturali.

Il progetto consiste in una piattaforma digitale che racchiude informazioni, dati ed indicazioni che attraverso sistemi di comunicazione digitali integra alla completezza di un’esperienza nella Città dei Sassi.

Si tratta di un progetto culturale integrato che connette luoghi, tempi, contenuti ed autenticità.

E’ stato creato in grado di supportare gli utenti in fase di pianificazione dell’esperienza di visita sia durante la visita è in atto, consentendo gli ospiti della città di consultare contenuti esclusivi per rendere l’esperienza esaustiva e speciale.

I contenuti sono visualizzabili in formati diversi: dal sito web accessibile da pc all’adattabilità verticale per la visualizzazione da smartphone. Sono state create App ufficiali per iOs ed Android (scaricabili dalle sezioni Istruzione/Education degli Store) che racchiudono gli itinerari da percorrere ed i contenuti nei giusti formati. Esistono anche un’App ludica per bambini e guide integrali in formato pdf ed mp3.

A supporto di tutto ciò è stata inaugurato un dorsale Wi-Fi gratuito accessibile dal centro storico di Matera. I contenuti, inoltre, sono presenti in tre lingue: italiano, inglese e tedesco.

di Vanni Silvestri

Fonti:

http://www.itabc.cnr.it/

http://www.basilicataturistica.it/

Matera capitale della cultura 2019

3c545405-890a-44ce-936f-10194a56bb28_xl.jpg
Matera 2019 – Capitale per un giorno che prevede l’assegnazione di contributi finanziari in favore dei 129 Comuni della Basilicata, ad eccezione dei capoluoghi Potenza e Matera già destinatari di specifici accordi di collaborazione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019.
7122fb58-bdf8-4f97-8e92-cab0d9631722_large.jpg
Il progetto mira a sostenere le proposte creative presentate dai Comuni lucani in linea con i temi inclusi nel Dossier di Candidatura e risultati vincenti per il titolo di Capitale Europea della Cultura 2019, con le strategie e con la dimensione europea richiesta a ciascun progetto facente parte del programma del 2019.
1486453769-matera.jpg
Matera è una città situata su un affioramento roccioso in Basilicata, nell’Italia Meridionale. Include l’area dei Sassi, un complesso di Case Grotta scavate nella montagna. Evacuati nel 1952 a causa delle misere condizioni di vita, i Sassi ospitano ora musei come la Casa Grotta di Vico Solitario, con mobili e utensili artigianali d’epoca. Una delle vicine chiese rupestri è Santa Lucia alle Malve, con affreschi del XIII secolo.

Basilicata_Matera2_tango7174.jpg

Matera è un comune italiano di 60 403 abitanticapoluogo dell’omonima provincia e seconda città della Basilicata per popolazione, nonché il più grande comune per superficie della Basilicata.

lostinfood-matera-barisano.jpg

Nota con gli appellativi di “Città dei Sassi” e “Città Sotterranea“, è conosciuta per gli storici rioni Sassi, che fanno di Matera una delle città ancora abitate più antiche al mondo[9][10]. I Sassi sono stati riconosciuti il 9 dicembre 1993, nell’assemblea di Cartagena de Indias(Colombia), Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, primo sito dell’Italia meridionale a ricevere tale riconoscimento.

MATERA-1.jpg

Nel 1663 fu separata dalla provincia di Terra d’Otranto, di cui aveva fatto parte per secoli, per divenire, fino al 1806, capoluogo della Basilicata nel Regno di Napoli. Durante questo periodo la città conobbe un’importante crescita economica, commerciale e culturale. Matera è stata la prima città del meridione a insorgere in armi contro il nazifascismo ed è per questo tra le città decorate al valor militare per la guerra di liberazione essendo stata insignita nel 1966 della Medaglia d’argento al valor militare e tra le città decorate al valor civile essendo stata insignita nel 2016 della Medaglia d’oro al valor civile.

matera-capitale-cultura.jpg

Il 21 novembre 1954 è stata proclamata, con delibera comunale, Civitas MariaePapa Giovanni Paolo II la visitò il 27 aprile 1991, definendola città della Visitazione e del Magnificat. Il 17 ottobre 2014 Matera è stata designata, insieme a Plovdiv (città sita in Bulgaria), Capitale europea della cultura per il 2019.